rete-sanita-digitale

Rete della Sanità digitale, gli incontri di marzo

Si terranno l’11 marzo a Bari e il 15 marzo a Napoli, i prossimi incontri della Rete della Sanità digitale, che ad oggi rappresenta un network di 400 accreditati, in rappresentanza dell’intera filiera trasversale del mondo sanitario e dell’industria ICT.

Il primo incontro si terrà a Bari (Focus point sui Big Data e governance sanitaria), dedicato a “La gestione del flusso farmaceutico tra esigenze organizzative,  amministrative e cliniche. Il ruolo dell’IT nella semplificazione dei sistemi e nella gestione del farmaco”, presso la Sala Asclepios dell’AOU Policlinico Bari.

L’incontro intende indagare l’utilità ed il valore aggiunto dei database regionali/nazionali della gestione del flusso farmaceutico e sulle criticità emerse nei processi di alimentazione, dell’integrazione dei diversi applicativi e dell’utilizzo delle informazioni, facendo il punto sullo stato di avanzamento delle implementazioni e sugli obiettivi e la tempistica.  I sistemi in uso per la gestione dei data base devono essere in grado di semplificare e migliorare il lavoro dei professionisti sanitari, fornire indicazioni sul flusso amministrativo e dare informazioni qualitative utili sugli eventi epidemiologici del territorio. In questo senso di particolare rilevanza strategica sono le piattaforme Big Data, come strumenti declinati a sostenere le indagini e il governo clinico e assistenziale. (Scarica il programma)

Il secondo incontro (Focus Point sulle politiche di sviluppo industriale per l’eHealth), Napoli 15 marzo, in collaborazione con l’Unione Industriali del capoluogo partenopeo, è dedicato a “Per un politica industriale dell’innovazione digitale. Il volano della Sanità digitale. Governance e fondi di investimento” e si terrà in Sala Cenzato dell’Unione Industriali di Napoli.

Punto di partenza del dibattito sarà il Patto della Sanità Digitale, che attraverso l’impiego sistematico dell’innovazione digitale in Sanità, si propone di conseguire gli obiettivi di efficienza, trasparenza e sostenibilità del SSN. Per raggiungere questi obiettivi il Patto elenca delle priorità d’intervento, tra cui le soluzioni e iservizi per la continuità assistenziale ospedale/territorio, i sistemi di Patient Workflow Management e Patient Relationship Management, le nuove piattaforme di servizi “information intensive” per i cittadini e le soluzioni di e-Health come fattori abilitanti di processi riorganizzativi della rete assistenziale. E’ comunque importante che il Patto della Sanità digitale venga sostenuto da una decisa politica industriale di sviluppo della digitalizzazione, che, seppur avviata, necessita di una governance capace di superare i particolarismi, creare maggiore omogeneità e individuare le forme e i fondi necessari ad ulteriori investimenti.

In questo quadro insieme alle istituzioni, l’industria digitale, e in particolar modo il denso tessuto delle PMI innovative, può svolgere un ruolo strategico per lo sviluppo nazionale. Un ruolo di volano dell’innovazione, inoltre, lo può decisamente svolgere la P.A., in particolare quella della Sanità, per il volume di investimenti messi in movimento e per le leve economiche che detiene, anche se è necessario adottare nuovi paradigmi di confronto e di condivisione e saldare il circolo virtuoso tra istituzioni e stakeholder dell’industria. E’ auspicabile un’azione sinergica per il reperimento di fondi di investimento dai programmi di sviluppo e innovazione europei, come H2020, e da strumenti particolari come lo SME Instrument.

L’incontro intende, per quresti motivi, essere un momento fattivo e concreto, per informare sull’attuale scenario della Sanità digitale in Italia e sulle prossime call Horizon 2020 per il biennio 2016 e 2018 riferite all’eHealth, strumento concreto di opportunità e di crescita per tutto il Paese. (Scarica il programma)

Per partecipare agli incontri è necessario inviare mail di richiesta a: info@retesanitadigitale.it

© Riproduzione Riservata

About Redazione

Inserisci un commento